| HOME | CURRICULUM VITAE | THE JOB SECONDA CHIR BY TO SANDRO PERTINI HOSPITAL | CHIRURGIA UROLOGICA | CASI CLINICI | FILMATI | I LINK | CONTATTAMI | LAUREA INFERMIERISTICA | PATIENT CARE AND EDUCATION | NOTIZIE E CONGRESSI | MOULAGE
 

LA COLICA RENALE
Si stima che circa il 10% della popolazione (200/100000 nuovi casi/abitanti/anno) abbia avuto nel corso della propria vita un episodio di "Colica Renale". Gli uomini sono colpiti piu' frequentemente rispetto alle donne
Circa 1 paziente al giorno giunge al nostro PS lamentando una Colica Renale refrattaria alla terapia antidolorifica (ogni mille ricoveri ospedalieri urgenti che si riscontrano in un anno uno e' dovuto a colica renale)
La causa piu' frequente di colica renale e' la calcolosi dell'Apparato Urinario. Se vuoi saperne di piu' clicca sulla Gif

EMATURIA
Per ematuria si intende la presenza di sangue nelle urine. Questa condizione non e' una malattia ma ne puo' essere il segno. Tale sintomo potrebbe essere la spia di una grave e seria alterazione delle vie urinarie e quindi del Rene, dell'Uretere, della Vescica, della Prostata, dell'Uretra o del Pene
Sangue nelle urine, perche'?, cosa fare?, a chi rivolgersi?

 

IL TUMORE DELLA VESCICA
  Il tumore della vescica rappresenta circa il 3 per cento di tutti i tumori e, nella patologia urologica, occupa il secondo posto dopo il tumore della prostata.Il sintomo principale l'ematuria ossia la emissione di sangue con le urine, ma spesso pu esordire con sintomi cistitici. pi comune tra i 60 e i 70 anni, ed tre volte pi frequente negli uomini che nelle donne. Se diagnosticato precocemente un tumore perfettamente curabile in centri specialistici e da chirurghi esperti.
Cistiti ricorrenti ematurie capricciose? Cosa fare a chi rivolgersi?

 

PRIAPISMO
  Per priapismo si intende una erezione persistente e dolorosa che supera le 2-3 ore. In tale situazione e' necessario recarsi immediatamente presso un Pronto Soccorso Ospedaliero o consultare uno Specialista Urologo o Andrologo. Piu' il tempo passa, piu' le possibilita' di una risoluzione senza esiti gravi permanenti risultano aleatori. Dopo le 72 ore al massimo i corpi cavernosi del Pene subiscono gravissimi danni ischemici e sclerotici che non permetteranno piu' la funzione erettile.
Erezione persistente e dolorosa che non passa dopo alcune ore? cosa fare? a chi rivolgersi?